Home > Animali, Argomenti vari > Il Giuramento di Aristotele

Il Giuramento di Aristotele

19 Luglio 2016
Com’è noto, medici-chirurghi e odontoiatri al momento d’iniziare la loro professione, prestano il “Giuramento di Ippocrate”. Vi chiederete se i veterinari fanno lo stesso… certo che sì, ma il giuramentoè un po’ diverso e ho piacere di riportarvelo.Si chiama “Giuramento di Aristotele”,  alla prossima occasione che tratteranno male voi e i vostri animali, potete sciorinare qualche frase… anche i veterinari sono medici e hanno l’obbligo di preservare la vita dei loro piccoli pazienti!

Il Giuramento Professionale del Medico Veterinario è stato presentato, per la prima volta, in occasione del Consiglio Nazionale F.N.O.V.I. (Federazione Nazionale Ordine Veterinari Italiani) di Napoli, nell’aprile 2008 e successivamente approvato ed entrato a far parte integrante del Nuovo Codice Deontologico di Terrasini (12 giugno 2011). Leggete anche il Codice per valutare se il vostro veterinario si comporta in maniera consona e in linea con la sua attività professionale. Interessante la sezione dedicata ai “Doveri del medico veterinario” a partire dall’art.9 e i “Rapporti con la clientela” a partire dall’art.28.

L’esercizio della professione del Medico Veterinario deve ispirarsi a scienza, coscienza e professionalità (art. 9 Codice Deontologico).

Di seguito il testo del giuramento che ogni Medico Veterinario presta al momento dell’iscrizione all’Ordine e prima di iniziare la sua professione. La formula proposta dalla F.N.O.V.I. sintetizza i principi deontologici ed etici che devono ispirare il Medico Veterinario nello svolgimento della sua attività quotidiana.

Le origini della Medicina Veterinaria vengono ricondotte ad Aristotele, grande filosofo e scienziato greco, ecco perché il giuramento porta il suo nome.

Aristotele

~Giuramento di Aristotele~

“Entrando a far parte della Professione e consapevole dell’importanza dell’atto che compio PROMETTO SOLENNEMENTE di dedicare le mie competenze e le mie capacità alla protezione della salute dell’uomo, alla cura e al benessere degli animali, favorendone il rispetto in quanto esseri senzienti; di promuovere la salute pubblica e la tutela dell’ambiente; di impegnarmi nel mio continuo miglioramento, aggiornando le mie conoscenze all’evolvere della scienza; di svolgere la mia attività in piena libertà e indipendenza di giudizio, secondo scienza e coscienza, con dignità e decoro, conformemente ai principi etici e deontologici propri della Medicina Veterinaria”.

©2016 Mirella Puccio ~ Tutti i diritti riservati

Categorie:Animali, Argomenti vari
I commenti sono chiusi.