Archivio

Archivio Luglio 2015

Non fare la fine del salame

15 Luglio 2015 4 commenti

Non vorrei infierire su chi percorre la strada sbagliata, ma i fatti, alla lunga, danno ragione a chi ha compiuto la scelta giusta.

melanzaneDifficilmente una carota o una melanzana verranno ritirate dal mercato per gravi contaminazioni batteriche. Queste sono le argomentazioni su cui basare le nostre battaglie, documentarci e schiaffare ovunque possibile la nuda verità sugli alimenti di provenienza animale, affinché la gente si renda conto che per soddisfare il palato, oltre a mietere vittime, avvelena il proprio organismo fino alle più drammatiche conseguenze.

In soli quindici giorni sono stati dichiarati contaminati due prodotti simili, uno alla Coop (13/07) e l’altro all’Eurospin (26/06).

L’allerta riguarda il Salamino italiano Fior Fiore Coop da 200 grammi e il Bastone di salame a marchio “La Bottega del Gusto” di Eurospin.

Il Salamino italiano Fior Fiore Coop da 200 grammi, lotto numero L 006616I è stato ritirato dai supermercati del gruppo poiché può presentare una contaminazione microbiologica da listeria. Il prodotto però potrebbe esser già stato acquistato, chi lo ha in frigo prima o poi lo consumerà. Osservate il numero del lotto stampato sull’etichetta e se corrisponde, riportatelo al punto vendita.
I sintomi dell’infezione da listeria possono manifestarsi anche dopo tre settimane dall’assunzione del prodotto e sono simili a quelli dell’influenza, ma possono essere mortali;  chi lo avesse mangiato, contatti subito il suo medico curante. A rischiare di più sono bambini, anziani e donne in gravidanza (queste ultime rischiano l’aborto). Cliccando qui tutte le info sulla litteriosi.

Salamino italiano fior fiore Coop

Il Bastone di salame a marchio “La Bottega del Gusto” di Eurospin è stato ritirato dai supermercati delle seguenti regioni italiane: Emilia Romagna, Liguria, Lombardia, Trentino Alto Adige, Veneto, Calabria, Sicilia, per la presenza di batteri. L’allerta riguarda nello specifico il bastone di salame da 250 grammi, lotto LFA1696R81 e scadenza 24.07.2015.

Eurospin sul proprio sito web non riporta alcuna notizia al riguardo, la pagina dedicata ai prodotti ritirati dal mercato è vuota, ho rilevato la notizia nel sito di Greenme e altri dedicati all’alimentazione.

Bastone di salame la bottega del gusto - Eurospin

Il gruppo non è nuovo a questi incidenti, chiamiamoli così,  nel febbraio scorso era stato disposto il ritiro della “Pasta di salame” a marchio Eurospin, per problemi di “inquinamento”.

Non fare la fine del salame, fatti furbo, go veg. :-)

©2015 Mirella Puccio ~ Tutti i diritti riservati

Sulla dignità animale (e umana)

12 Luglio 2015 Commenti chiusi

~AGGIORNAMENTO DEL 14 LUGLIO~
Dopo il mio post del 12 luglio, il sig. chef Lorenzo Boni ha tolto le tre foto “incriminate”… me ne sono accorta adesso, tornando nel suo profilo per verificare che ci fossero ancora. Qualcuno deve avergli sussurrato all’orecchio che una tizia si è molto arrabbiata vedendo quegli scatti e lo aveva rimproverato pubblicamente.
Aver eliminato le foto per quanto mi riguarda non sminuisce il suo gesto deprorevole. Finché gli animali verranno considerati oggetti e non soggetti, accadrà questo ed altro. Purtroppo.

~È vero che l’uomo è il re degli animali, perché la sua brutalità supera la loro. ~Leonardo da Vinci~

*************************************************************************************************

Nei giorni scorsi un caro amico mi ha segnalato un post e alcune foto pubblicate sul profilo Facebook di un uomo mentre schernisce con un’altra persona un animale già morto. Sono andata a verificare e ho scoperto che si tratta nientemeno che di Lorenzo Boni. Le foto mi hanno lasciato interdetta.

È uno chef che lavora in varie trasmissioni televisive, anche con la Parodi. Ammetto di non conoscerlo, seguo poco la tivù e in ogni caso le mie scelte alimentari sarebbero in palese contrasto con gli ingredienti dei piatti che prepara. Di seguito uno stralcio del suo curriculum così come appare nel suo profilo Facebook: Chef di produzione presso Molto Bene-Le ricette di Benedetta Parodi, Chef di produzione presso Hell’s Kitchen Italia e Chef di produzione presso Junior Masterchef Italia. Precedentemente: MasterChef e I menù di Benedetta.

Ciò premesso, anche per inquadrare l’importanza del personaggio, torniamo alle foto.

Vi pare che uno chef serio, responsabile e professionale debba prendersi gioco di una creatura già uccisa, calpestandone la dignità e diffondendo tali immagini per il pubblico ludibrio? Lo trovo offensivo per la vittima e ne sono offesa anch’io.

Lorenzo_Boni

Due cose mi sorprendono: l'intelligenza degli animali e la bestialità degli uomini ~Tristan Bernard~

Non giudico il lavoro o le scelte alimentari di Boni, trovo irriverente il fatto che sbeffeggi un animale già morto, che non può reagire. Mi chiedo quale sia la molla che scatta nella mente di un uomo che durante le ore di lavoro si prenda la briga di scattare delle foto esibendo la testa di un maiale e coinvolgendo un’altra persona che si mette in posa ridendo sguaiatamente. Gli scatti risalgono al 9 febbraio 2015 e a tutt’oggi sono visibili nel suo profilo Facebook in un post pubblico comprendente una sequenza di 14 foto, ambientate negli studi televisivi di MasterChef.

Amica-Lorenzo-Boni

Puoi conoscere il cuore di una persona già dal modo in cui tratta gli animali ~Immanuel Kant~

Qualcuno di voi trova divertenti queste foto?

Su Facebook il post ha scatenato l’inferno, non solo perché siamo di parte, essendo animalisti e vegani, ma perché proviamo compassione per ogni essere vivente e riteniamo indegno sghignazzare o prendere in giro gli animali. Creature indifese da vive e da morte.

Ritengo scorretto deridere il cadavere di un animale che peraltro Boni utilizza per lavorare e portare a casa uno stipendio.

il_povero_maiale

Auschwitz inizia ogni volta che qualcuno guarda a un mattatoio e pensa: sono soltanto animali ~Theodor Adorno~

Chissà, forse un giorno Boni potrebbe restare disoccupato e dedicarsi all’agricoltura, posando con una pannocchia di mais o un’anguria oppure, come afferma una mia amica, che vada a lavorare come lavapiatti per uno chef vegano. :-)

©2015 Mirella Puccio ~ Tutti i diritti riservati

Gli animali hanno propri diritti e dignità come te stesso. È un ammonimento che suona quasi sovversivo.
Facciamoci allora sovversivi: contro ignoranza, indifferenza, crudeltà.
~Marguerite Yourcenar~