Archivio

Archivio Maggio 2006

Sintomi di lagnusìa acuta

16 Maggio 2006 11 commenti


Come previsto Tesoromio ha ripreso a mangiare, gli piace nuovamente il nasello bollito, e secondo le vecchie abitudini ne mangia uno al giorno. Speriamo che duri, è diventato talmente volubile col cibo, una vera disperazione.

Nel frigo la puzza di pesci ex-freschi è diminuita notevolmente (vedi articolo “Sciopero della fame”).

Stanotte è venuto a dormire con me e siccome mi giro molto ho dovuto spostarlo più di una volta. Io non capisco come mai un esserino così piccolo possa accaparrarsi oltre la metà di un letto matrimoniale. E non mi spiego perché quando dorme pesa il triplo. Misteri felini. Una volta scostandolo un pochino mi ha morsicato la mano. Forse stava sognando di essere un cane.

Oggi siamo stati in casa e lui si è goduto il sole stiracchiandosi in continuazione e addormentandosi nel giro di 2-3 secondi dove c’era una sedia o un luogo comodo dove sdraiarsi. Quando lo guardavo mi passava la voglia di lavorare e mi dava un effetto soporifero. Potevo fare di più visto che era il mio giorno libero, invece ho ciondolato, occupandomi solo delle cose indispensabili. Il minimo. Non ho stirato per esempio.

Un gatto che dorme al sole trasmette lagnusìa (dal dialetto siciliano=pigrizia) e guai a stargli vicino, accarezzargli il pancino caldo, sentire le sue fusa, guardare gli occhi ridotti a fessure,è come per Ulisse sentire il canto delle Sirene!

(foto scattata oggi pomeriggio)

Sciopero della fame

15 Maggio 2006 2 commenti

Tesoromio mi tiene il broncio da due giorni. Il fatto è che sabato mattina ho avuto la bella idea di acquistare il pesce fresco al mercato anziché il solito nasello congelato. Rientro a casa tutta contenta, e sicura di far fuori mezzo chilo di pesce in due giorni, dopo averlo pulito, lo sistemo nella parte più fredda del frigo, non ha senso congelarlo. Lui, quando sente profumo di pesce, è estasiato, sa che ci scappa sempre qualche gamberetto crudo, un tentacolo, un pezzo di calamaro. Tra l’altro non può mangiare il pesce crudo perché gli fa male, statisticamente al terzo gamberetto vomita (in genere sul tappeto più bello e pulito). Preparo un paio di pesci bolliti, ovviamente tolgo spine e lische come faccio sempre e riempio la sua ciotola.

Lui annusa e fugge via. Penso che sia troppo caldo,  dopo un po’ mi accorgo che lo assaggia appena, ma scappa via disgustato.

La sera comincia a miagolare come un pazzo correndo in corridoio e poi fermandosi davanti alle ciotole. Non intende mangiare neanche la sua scatoletta preferita, quella da 0,90 euro per intenderci, penso per dispetto, e mangia solo i pochi croccantini rimasti. Di certo nottetempo spinto dalla fame mangerà tutto quindi non riempirò la ciotola di croccantini. Essendo un gatto dal carattere assai permaloso, ha l’aria offesa e mi guarda furtivamente. Mi raggiunge a letto solo dopo innumerevoli richiami, ma non è affettuoso.

L’indomani mattina, domenica, appena alzata guardo le sue ciotole: il pesce è diventato secco come il baccalà, il paté della sua scatoletta pregiata si è solidificato e lui comincia a frignare come un forsennato. Lo guardo e penso che lo prenderei a botte se non fosse così piccolo e indifeso… noooo, sono io quella indifesa!!!
Apro il frigo, il pesce è ancora freschissimo, magari ne preparo un altro, chissà se cambia idea, avrà fame, povero Tesoromio. O povera me.

Al mio rientro trovo il cibo intatto e lui che mi aspetta sul divanetto lanciandomi occhiate di fuoco, miagolando a più riprese come un disgraziato. In tutti i casi fino a lunedì pomeriggio non ho la possibilità di acquistare il solito nasello, quindi dovrà adattarsi. Apro il frigo e c’è un odore leggermente pesante… apro il cassetto del pesce e loro sono lì, in attesa di essere bolliti, l’occhio ancora vivo, ma non so ancora fino a quando!

La sera resta a dormire sul suo divanetto, girandomi la schiena per non guardarmi quando apre gli occhi. Gli da’ fastidio finanche guardarmi! Lo chiamo più volte, ma finge di addormentarsi e non viene a dormire con me. Poco male, almeno stanotte dormo comoda, il lettone è tutto mio.

Lunedì mattina lo ritrovo al mio fianco, ma non fa le solite fuse del risveglio!!!

Mi alzo, vado in cucina, stessa scena della domenica: non ha toccato il pesce, sciopero della fame dichiarato! Apro il frigo per prepararmi la colazione e il buongiorno è una zaffata di pesce che sta andando a male, roba da svenire. Di solito mangio parecchio a colazione, ma l’odore pesante del pesce mi ha fatto passare l’appetito e alla seconda fetta imburrata dichiaro forfait. Dal momento che ho la testa dura e visto che conoscevo già la fine che avrebbero fatto i poveri pesci, ho deciso di bollirne un paio, magari Tesoromio è talmente affamato da cambiare idea… A parte i versacci emessi mentre mi preparo per uscire, lascia la cucina e se ne va a dormire in biblioteca, senza degnarmi di uno sguardo. In tutti casi riempio una ciotola di croccantini, non me la sento di lasciarlo digiuno.

Nel pomeriggio torno a casa, trovo il pesce intatto e buona parte dei croccantini. Arriva lui secco secco e mi lancia un’occhiata felina. Vedendo che apro il balcone se ne va a dormire al sole. Inizio a preparare le immondizie (da noi è permesso buttarle dalle ore 18.00) e prendo dal frigo la vaschetta con i pesci rimasti. Devo pulire bene il contenitore se voglio riutilizzarlo ed eliminare quel maledetto tanfo di pesce deceduto da 3 giorni. Ho sparpagliato foglie di menta e fette di limone in tutti i ripiani e anche se sono stanca morta dopo aver buttato i cadaveri e le immondizie vado al negozio di surgelati per acquistare il suo pesce preferito.

Quando torno lui è sempre arrabbiatissimo, mi tiene il broncio, ma vi rendete conto, il mio gatto è offeso da due giorni e mezzo! Adesso vediamo se cambia umore, ho comprato 3 kg di nasello, ne preparo subito due e così lui annusa l’aria, cambia visibilmente umore e capisce che stasera si mangia.

Bene, alle ore 18.00 di lunedì ha ripreso a mangiare! Dopo si è lasciato abbracciare e aveva voglia di coccole. E’ tornato il vecchio Tesoromio allegro e socievole! Stanotte dormirò scomoda ^__^