Archivio

Archivio Febbraio 2006

Nel Paradiso degli animali è arrivato un altro angelo.

28 Febbraio 2006 1 commento


Giorno 5 febbraio è venuto a mancare l?adorato collie che circa due anni fa avevo trovato abbandonato in una stradina di Baida. Ricordo di aver chiamato l?amico di sempre che in più di un?occasione aveva dimostrato il suo sincero affetto verso questi esseri di certo superiori a noi umani per molte qualità che noi non possediamo.

Stavo andando in città, poiché all?epoca anch?io abitavo a Baida, quando scendendo prudentemente a velocità ridotta dalla collina, dopo una curva, vedo dinanzi a me un superbo esemplare di collie adulto. Il famoso Lassie dell?omonimo film, pare smarrito e si guarda intorno camminando molto lentamente. Rallento ancora e mi fermo per osservarlo meglio, ma lui mi guarda con sospetto. Scendo dall?auto ma lui si allontana un po? restando sempre piantato in mezzo alla strada. Lo chiamo e cerco di attirare la sua attenzione, nel frattempo l?osservo meglio, appare in ottima salute, non presenta ferite, non zoppica. Non sembra portare un collare, e temo che se resterà lì, conoscendo l?imprudenza degli abitanti della zona, sarà investito. Mi rendo conto che pur non mostrando aggressività, non si fa avvicinare ed io non ho dimestichezza con i cani. Penso che possa essere uscito da una villa dei dintorni e che il suo padrone lo stia cercando, chissà quanto sarà disperato, quindi le mie preoccupazioni sono inutili. Non credo che un cane del genere possa esser stato abbandonato, in pieno inverno poi! Di solito gli animali sono abbandonati in estate, per quanto non ci sia una regola all?inciviltà umana. Rimetto in moto e corro via, sono in ritardo come sempre.

Ma nel pomeriggio non ho pace e non mi sento tranquilla finché non chiamo Salvo Piazza per comunicargli l?episodio. Lo prego di fare un salto, tanto l?Associazione ha sede nelle vicinanze e lui potrà perdere al massimo 10 minuti. E? sempre così impegnato con la sua tribù di animali che farlo uscire diventa spesso un?impresa. Mi promette che andrà a dare un occhiata e magari ci risentiamo in serata.

Lo richiamo poco dopo e, con mia grande sorpresa, ma con sollievo, apprendo che il collie si trova nei locali dell?Associazione, in una bella e comoda stanza dove non può correre alcun pericolo. Salvo mi racconta che prenderlo non è stato facile, poiché appariva impaurito e sospettoso, ma grazie all?esperienza e a tanta pazienza, è riuscito a farlo salire nel furgone e a portarlo nella sua nuova casa. Sì perché non presentando né collare né tatuaggio non siamo riusciti a risalire al padrone. E dopo un mese abbiamo capito che nessuno lo avrebbe mai cercato perché era stato abbandonato.

Quando abitavo a Baida andavo spesso a trovarlo e ho scattato molte foto che m?impressiona guardare, ora che lui non c?è più. A parte la bellezza e la regalità, doti esteriori, il nostro Lassie si era fatto apprezzare ed amare da tutti i componenti della grande famiglia animale ed umana che vive presso l?Associazione. La sua docilità, la sua educazione, il suo sguardo velato da un pizzico di tristezza, il suo bisogno di dare e ricevere affetto rivelavano una certa fragilità interiore. Nonostante la mole non esitava a saltare in piedi su due zampe per abbracciare una persona, era affettuoso come un cucciolo malgrado fosse un cane adulto di cui qualcuno si era sbarazzato in un modo deprecabile.

Se ne avessi avuto la possibilità lo avrei preso con me. Ho avuto qualche rimorso (vedi in archivio l?articolo ?Rimorsi? postato il 14 novembre 2005).Ma con Salvo Piazza sono certa che Lassie sia stato felice e che questi due anni di vita che Dio con la mia piccola collaborazione ha voluto regalargli è stato per noi un dono bellissimo che non dimenticheremo facilmente.

Quando mi sono trasferita in città l?ho visto sempre più raramente ma sapere che stava bene e che viveva nel calore di una grande famiglia mi aiutava a sopportare quella vena di malinconia che mi assaliva se pensavo a lui. Sono certa che Salvo abbia fatto di tutto per curarlo, chiamando immediatamente il pronto soccorso veterinario al verificarsi dei malesseri che nel giro di pochi giorni lo avrebbero portato alla morte. Lassie se n?è andato in punta di piedi, così com?era venuto. Non avrei mai voluto scrivere queste parole, ma sento di farlo, per la sua memoria e per Salvo Piazza che tuttora non riesce a rassegnarsi e soffre tanto per la sua scomparsa. Gli invidio la possibilità che ha avuto di stargli accanto fino alla fine.

Nel Paradiso degli Animali è arrivato un altro angelo.

Questa è l?ultima foto che ho scattato a Lassie, il 29.03.05, mentre dorme sereno sotto il primo sole primaverile.

Categorie:Argomenti vari

Astronaut Cat

5 Febbraio 2006 4 commenti


Forse è una cosa stupida? però ho trovato irresistibile creare questo piccolo fotomontaggio. Acoltavo Astronaut dei Duran Duran e avevo il PC acceso? mi sono ricordata di un programmino di grafica e così ho creato il mio Astronaut Cat.
Un miao spaziale a tutti gli amanti dei felini!

Categorie:Argomenti vari